Contributi a fondo perduto e finanziamenti per aprire un salone di parrucchiere in Sicilia: come cercarli e come ottenerli

copertina articolo con un salone e un foglio da firmare

Raggiungere i propri obiettivi, realizzare i desideri e cercare di fare della propria passione un impiego redditizio: sono questi i principali scopi di un giovane che si appresta a entrare nel mondo del lavoro. Nella fattispecie, affrontiamo il discorso relativo ai contributi a fondo perduto per aprire un salone di parrucchiere in Sicilia.

Come fare, a chi rivolgersi, quali sono i passi da compiere? È molto utile in tal senso consultare le varie normative e informarsi circa le svariate possibilità che possono essere sfruttate.

Finanziamenti a fondo perduto

Per chi desidera intraprendere un’attività da parrucchiere, barbiere ed estetista in Sicilia, ci sono importanti novità. Infatti sono stati messi a disposizione dei finanziamenti a fondo perduto che potranno aiutare concretamente chi intende realizzare questo genere di sogno con dei contributi e supporti veramente validi. Nella maggior parte dei casi si tratta di prestiti a tasso zero con la restituzione del solo 50% del totale.

I finanziamenti a fondo perduto, infatti, sono prestiti per i quali il richiedente non ha l’obbligo di restituzione dei soldi e in più non prevedono la presenza di un garante o la disponibilità di garanzia. Un ‘agevolazione incredibile se si pensa che possono essere concessi a chiunque senza nessuna valutazione della disponibilità reddituale.

Questo tipo di fondi vengono erogati dall’Unione europea, Stato, Regioni, Comuni o Enti Pubblici e servono proprio per incoraggiare e stimolare la nascita di nuove imprese. Sono destinati in particolar modo a giovani dai 18 ai 35 anni, disoccupati, donne e sono studiati e pianificati per favorire l’iniziativa imprenditoriale privata che riscontra maggiore difficoltà ad affacciarsi nel mercato del lavoro.

Imprese a tasso zero

On: Oltre nuove imprese a tasso 0

Questo finanziamento mira a sostenere la nascita e la crescita delle imprese guidate da donne e si rivolgono alle donne che non hanno superato i 36 anni d’età. Consiste in un insieme di contributi a fondo perduto e il restante saldo con finanziamenti a tasso zero, da utilizzare per creare una nuova attività o ampliarla.

Si evince che si adatta facilmente alle ragazze che abitano a Enna e desiderano aprire un nuovo salone o rinnovarne uno già esistente.

Resto al Sud

Si tratta di uno dei più importanti finanziamenti per giovani siciliani desiderosi di intraprendere una nuova attività come quella della parrucchiera o dell’estetista. È un finanziamento a fondo perduto che recenti modifiche hanno reso ancora più interessante, in quanto è rivolto a tutte le persone che hanno un’età compresa tra i 18 e i 55 anni. Gli incentivi di Resto al Sud per la regione siciliana coprono il 100% delle spese e comprende una quota di contributo a fondo perduto del 50% mentre il restante 50% corrisponde a un finanziamento agevolato.

Cosa fare per candidarsi? È sufficiente presentare a Invitalia e cioè l’Agenzia nazionale per lo sviluppo del Ministero dell’Economia, la richiesta per usufruire degli incentivi. Una volta inoltrata la domanda, gli analisti convocano un team preposto a effettuare il colloquio, anche da remoto mediante la piattaforma Skype. Nel caso di società il finanziamento può arrivare sino a 200.000 euro, mentre per ditte individuali il massimo stabilito è pari alla somma di 50.000 euro.

Ci sono dei particolari requisiti da rispettare per usufruire dei benefici di Resto al Sud: non bisogna essere titolari d’imprese costituite prima del 21 giugno 2017, non aver avuto possibilità di beneficiare di ulteriori agevolazioni statali e non bisogna avere un contratto di lavoro a tempo indeterminato per tutto il tempo dell’erogazione del finanziamento. Tutti gli incentivi sono spendibili in progetti edili come la manutenzione e la ristrutturazione di un immobile, per una somma pari al 30% e servizi strumentali quali l’acquisto di macchinari, attrezzature e impianti.

Ti piacerebbe usufruire dell’imperdibile finanziamento Invitalia “Resta al Sud” e aprire un salone parrucchiere o un barber shop in Sicilia con agevolazioni a fondo perduto? Affidati a noi di Antares Pro per una consulenza gratuita. Compila subito il form a questo link.

Finanziamenti imprenditoria femminile

Fondo impresa femminile

Bisogna sottolineare in primo luogo che in Sicilia un’impresa su 4 è guidata da donne, perché, durante il periodo pandemico quasi tutte le aziende hanno penalizzato il mondo femminile, pertanto, le donne hanno deciso di mettersi in proprio. Si evince che negli ultimi due anni, in Sicilia, si è assistito a un forte incremento di imprese guidate da donne al di sotto dei 35 anni.

Una donna che sente l’esigenza di ampliare la propria attività di estetista o di parrucchiera o aprirne una nuova, può usufruire del Fondo Impresa donna, nato proprio per incentivare questo trend e supportarlo. Si può beneficiare di un mix di contributi a fondo perduto per avviare una nuova apertura e di un finanziamento a tasso agevolato per sostenere l’attività stessa.

La cifra massima consentita per la nascita delle nuove attività è pari a 250.000 euro, mentre per quelle già esistenti si parla di un tetto massimo pari a 400.000.

Contributo a fondo perduto centro estetico

Aprire un centro estetico con i contributi agevolati per le donne

Per le donne in possesso di un diploma da estetista e hanno l’esigenza di un supporto finanziario, è possibile usufruire di agevolazioni fiscali che riguardano le start up promosse dal Ministero delle attività produttive e attive su tutto il territorio nazionale, compresa la Sicilia. Il bando prevede che i beneficiari siano imprese costituite in forma societaria da non più di un anno, la compagnia deve essere composta da soci femminili senza limite d’età.

L’importo dell’investimento totale è pari a 1,5 milioni di euro da restituire in 8 anni con un mutuo a tasso zero che copra fino al 75% dell’investimento. Sono ammesse rate semestrali ed è previsto anche un apporto dei soci con i mezzi propri pari almeno al 25% dell’investimento.

Un centro estetico coadiuvato da un parrucchiere è una formula vincente, una realtà molto diffusa che ha un riscontro favorevole presso tante persone, pertanto, la seguente soluzione può essere valida a tutti gli effetti.

Fare impresa in Sicilia

Per venire incontro alle competitività delle imprese siciliane, è stata messa a punto recentemente, Fare impresa in Sicilia, una misura atta a sostenere tutti coloro che desiderano affacciarsi al mondo dell’imprenditoria. I beneficiari di questi finanziamenti sono le micro, piccole e medie imprese sia in forma singola che associata.

Possono accedere a tali contributi tutti coloro i quali hanno un’età compresa tra i 18 e i 46 anni e le donne di qualsiasi età. L’aiuto è pari al 90% dell’importo della spesa ammissibile e le agevolazioni sono erogate sotto forma di contributo a fondo perduto. La somma minima del fondo è pari a 50.000 euro, il massimo è di 300.000 euro.

Imprenditorialità femminile

Nonostante la ancora evidente disparità con il mondo maschile, anche in termini retributivi, l’imprenditorialità femminile è notevolmente avvantaggiata. Oltre alle possibilità già enunciate, le donne siciliane che intendono aprire un salone da parrucchiera possono usufruire del Fondo Garanzia dello Stato che copre fino all’80% del finanziamento richiesto e si rivolge sia alle principianti che alle professioniste già avviate.

Ultimo, ma non per ordine di importanza è il Microcredito, uno speciale fondo che si rivolge alle donne già avviate nel settore e permette di accedere al sistema bancario senza fornire garanzia alcuna.

Contributo a fondo perduto salone parrucchiere

I finanziamenti per l’arredo del salone

In seguito all’avvio del proprio salone, nel momento in cui il proprio sogno sta per realizzarsi bisogna procedere all’allestimento e all’arredo. È utile sottolineare che nel momento in cui un parrucchiere desidera arredare il proprio salone o solo rinnovarlo, può usufruire di tutti i finanziamenti citati. Non tutti, infatti, sono in grado di affrontare economicamente un tale onere di spese, perché si tratta di una parte importante della propria attività, cioè quella che rappresenta il vero biglietto da visita.

I finanziamenti a fondo perduto, permettono di acquistare le attrezzature, i macchinari e i complementi d’arredo necessari per rendere il proprio negozio una vera oasi del benessere. Poter usufruire della cifra necessaria per allestire in maniera ottimale il salone, costituisce la migliore strategia per iniziare e proseguire nella realizzazione del proprio progetto.

È necessario solo stabilire quale sia la formula più adatta verso quale fondo indirizzarsi, per poi procedere con la domanda, accertandosi di possedere tutti i requisiti giusti. Una donna potrebbe avere maggiori opzioni, viste le tante iniziative a suo favore, ma anche per un uomo le carte da giocare sono tante.

Per ottenere maggiori informazioni e avere tutte le risposte, il consiglio è quello di rivolgersi a noi di AntaresPro che grazie all’esperienza trentennale nel settore dell’hairstylist siamo in grado di fornire tutti i dettagli in merito. Contattaci qui.

Desideri aprire o rinnovare un Salone Parrucchiere in Sicilia?

Contattaci per una consulenza gratuita personalizzata.
Ti aiuteremo a creare un arredo bello e funzionale, in linea con le attuali aspettative del mercato e della tua clientela.
Comincia oggi a pianificare il Salone dei tuoi sogni!

Richiedi un preventivo entro il 31 Marzo e ottieni uno sconto di 500€*

*minimo ordine 2500€ + iva non cumulabile con promo in corso

Facebook
Twitter
LinkedIn

Articoli Correlati

Cerchi arredo per il tuo Salone in Sicilia?

Contattaci per un preventivo!
Sconto di 500€* entro il 31 Marzo

*minimo ordine 2500€ + iva non cumulabile con promo in corso

In cerca di spunti per arredare il tuo salone?

Scopri i saloni che abbiamo curato

Altri articoli