Start-Up

Start-Up

Sappiamo benissimo come, in generale, il mercato moderno sia divenuti instabile e veloce. ma chi si occupa di cura dei capelli e dell’estetica la sa benissimo ed è abbastanza abituato. Già  nel lontano 1711 Joseph Addison su “The Spectator”. scriveva:

Non
v’è in natura nulla di più variabile
dell’acconciatura di una signora

Joseph Addison“The Spectator”.

Inoltre, se prima erano soprattutto le donne a ricorrere a tagli alla moda, colorazioni e messe in piega particolari per esaltare la loro bellezza, oggi anche gli uomini, di tutte le età, sono degli frequentatori di barbieri e acconciatori.

L’attività di hair stylist è molto radicata sul territorio italiano, contando più di 100mila negozi: grazie all’importanza dell’acconciatura nel settore della moda, le tecniche del parrucchiere si evolvono continuamente, consentendo di diversificare molto la propria offerta di servizi e di adattarla ad un segmento di clientela specifico.

Ma bisogna pensare bene a cosa si vuole fare. Non è indispensabile investire capitali elevati ma bisogna ragionare intorno ad un progetto preciso e scegliere bene i propri partners ed i fornitori.. Un’idea interessante per aprire un salone di parrucchiere di successo è integrare a tagli e tinture anche alcuni servizi estetici, come manicure, pedicure, ricostruzione unghie, pulizia del viso, epilazione e molto altro.

Facciamo un semplice elenco dei passi principali:

questo blog servirà proprio ad approfondire questi argomenti, uno per uno, suggerendovi di volta in volta le soluzioni più adatte alla vostra idea.

Prevedere l'investimento d'apertura e i costi per la gestione

Progettare al meglio la gestione

Individuare i finanziamenti

i contributi a fondo perduto e le agevolazioni pubbliche che puoi richiedere

Conoscere le licenze, le autorizzazioni

e i requisiti necessari per aprire un salone di parrucchiere

Prevedere i guadagni del salone

Conoscere le attrezzature e gli impianti necessari

Conoscere le leggi e le norme

che regolano il salone di parrucchiere

Quest’ultimo punto, spesso sottostimato, ti consente di valutare con successo, e quindi realizzare, il tuo business. La progettazione rappresenta un valido strumento per elaborare richieste di contributi a fondo perduto, finanziamenti agevolati e altre agevolazioni pubbliche. Inoltre permette di elaborare correttamente il business plan, documento sempre più richiesto dalle Banche per la concessione di finanziamenti ordinari.

E questo è letteralmente solo l’inizio, perché grazie ad una progettazione gestionale ben definita potrai avere una rotta ben precisa da seguire negli aspetti più “burocratici” del tuo lavoro, lasciandoti lo spazio ed il tempo er esaltare il tuo prodotto e mettere al centro l’attenzione verso i tuoi clienti.

Hai altre domande?

Contattaci oppure leggi altre notizie dal nostro Blog!